TESSUTI WAX-PRINT

Tessuti wax-print, caratteristiche, tecniche e decorazioni

I tessuti wax, è un noto indumento Africano, chiamati anche wax-print, ideali per vestirsi specialmente durante il periodo di primavera.
Il wax-print è una stoffa di forma rettangolare realizzata in cotone è usata come indumento. La lavorazione del wax-print è molto antica, risale al XII secolo, quando il “pagne”, che era un taglio del tessuto veniva adoperato dalle donne della zona sub-sahariana come vestito che veniva fissato intorno alla vita oppure veniva posto sotto le ascelle.

In passato il wax-print era realizzato in diversi tipi di materiali, come la rafia, la corteccia e dipinta in modo diverso, per esempio con le cortecce, le erbe attraverso alcuni strumenti come la paglia, il bambù oppure tamponi della zucca che vengono intagliati.
Dal XIX secolo, viene adoperato il cotone e la tecnica per colorarlo è cambiata, infatti, si utilizza la tecnica della cera, che non permette alla tintura di penetrare consentendo la creazioni di disegni e tonalità di colore diverso poiché una parte mantiene il colore mentre la parte esposta hanno una nuova tonalità con il bagno di tintura.
Foto tratta da http://www.dhgate.com

Quanto il tessuto si asciuga viene levato la zona impermeabilizzante, lasciando le zone colorate, in seguito avvengono altre decorazioni che possono essere anche molto elaborati.
 Il wax-print può avere diverse dimensioni, a secondo del tipo di utilizzo che veniva fatto, perché dovete sapere che un tipo d'indumento eclettico, per questo può essere adoperato come una toga, una sciarpa oppure una gonna.
Oggi, questo tipo di indumento è ampiamente diffuso tra le donne dell’Africa che vive in città e negli ultimi anni si è diffusa anche in occidente, grazie al loro fascino e bellezza.
Ogni elemento presente è simbolico, cioè ha un significato particolare come la luna che rappresenta la fecondità della donna.